Archivio notizie (pagina 18)
19 luglio 2017

LA ROSSELLI MUTINA SI PRESENTA: TUTTO PRONTO PER IL CAMPIONATO DI ECCELLENZA NELL’ANNO DEL 50° DEL CLUB
 


E’ iniziata l’avventura della Rosselli Mutina in Eccellenza. Nella serata di martedì 18 luglio si sono alzati infatti i veli sulla compagine che, nell’anno del cinquantenario del club, disputerà il massimo campionato regionale dopo la straordinaria promozione di pochi mesi fa, unita alla conquista della Coppa Italia di categoria. La presentazione ha avuto luogo nella bella cornice del ristorante «Loco» di Modena, che ha ospitato la rosa dei calciatori e lo staff tecnico della prima squadra, i dirigenti della società, gli sponsor e le istituzioni amministrative (rappresentate l’assessore allo Sport del Comune di Modena Giulio Guerzoni) e sportive (il vice presidente della Figc regionale Dorindo Sanguanini). E’ stata una serata gradevole, arricchita dalle apprezzatissime frasi dell’assessore e del vice presidente che hanno fatto i complimenti ai vertici del sodalizio modenese per il percorso intrapreso, un percorso che coinvolge tra l’altro circa 250 ragazzi del settore giovanile, e per manifestare l’attenzione e la vicinanza ai colori gialloblù.
Sul palco del ristorante di via Parenti sono sfilati quindi i protagonisti della prima squadra della Rosselli Mutina, che inizieranno la preparazione pre-campionato il 10 agosto e che come l’anno passato disputeranno le gare interne di campionato allo stadio «Allegretti» della frazione cittadina di San Damaso. Parole importanti, durante la cena, sono state spese dal presidente della società Franco Cosmai a favore delle numerose realtà imprenditoriali che affiancano la Rosselli Mutina in questo straordinario cammino sportivo e sociale, giocando un ruolo essenziale (non solo dal punto di vista economico) per la buona riuscita del progetto calcistico. Il direttore sportivo Giorgio Malavolta e il direttore esecutivo della prima squadra Bob Fantazzi hanno poi presentato nella scenografia del «Loco», appositamente preparata, i nuovi atleti: per il momento si tratta del portiere Tommaso Corradi; dei difensori Marco Ferrari, Luca Ruopolo, Francesco Sereni e Daniele Vacondio; dei centrocampisti Leonardo Gasparini, Giovanni Gualdi, Valerio Mazzini e Giorgio Villani; e degli attaccanti Giuseppe Cozzolino e Giuseppe Greco. Elementi di valore che andranno a rinforzare un gruppo che nell’ultima stagione, in Promozione, ha sbaragliato la concorrenza e che vede una nuova guida tecnica: l’esperto allenatore Roberto Notari, chiamato a capo di uno staff che conta anche gli innesti del preparatore atletico Daniele Dotto e del fisioterapista Michelangelo Verrini.
All’evento non potevano mancare Paolo Galassini e Gian Lauro Morselli, figure imprenditoriali di riferimento del club. «Dopo i festeggiamenti per l’ultimo storico campionato ci troviamo alle porte di un’annata ancora più importante – ha detto Galassini – perché per la prima volta la Rosselli Mutina militerà in Eccellenza dopo mezzo secolo di storia. Vogliamo fare un buon campionato ma senza dimenticare che siamo una matricola: perciò i piedi rimarranno per terra. Quindi, per quanto ci possano essere delle ambizioni e per quanto siano arrivati buoni giocatori, lungi da noi voler peccare di presunzione o di volerci vantare di essere la seconda realtà calcistica della città di Modena. Affrontiamo il nostro cammino in Eccellenza consapevoli dei nostri giocatori, dei nostri mezzi, e senza sbandierare alcuna superiorità anche perché non esiste». Concetti in sintonia, quelli di Morselli: ha spiegato che «è vero che gli obiettivi a lungo termine possono essere importanti, però per il momento vogliamo restare assolutamente umili. Sono arrivati atleti importanti, l’allenatore è bravissimo e cura il minimo dettaglio, tuttavia non ci interessa fare alcun proclama. Quest’anno lo scopo è quello di assestarci in una categoria che non conosciamo, poi si vedrà. Non dimentichiamo che un quadriennio fa la Rosselli Mutina era in Seconda categoria: se siamo arrivati a questo punto è anche perché abbiamo cercato di infondere la nostra filosofia imprenditoriale che comporta una crescita graduale. Un sviluppo che interessa pure il vivaio, che quest’anno prevederà una squadra di Allievi in più, e che ci rende orgogliosi».


17 luglio 2017

TOMMASO CORRADI DIFENDERA’ LA PORTA DELLA ROSSELLI MUTINA

Arriva alla Rosselli Mutina dopo aver conquistato la serie D: Tommaso Corradi, 20 anni da compiere tra poche settimane, è il nuovo portiere del club modenese neo-promosso in Eccellenza. Il direttore sportivo Giorgio Malavolta ha raggiunto infatti l’intesa col guardiano cresciuto nelle giovanili del Parma e del Carpi; un giovane di talento che nell’ultima stagione ha difeso con efficacia, indossando la maglia da titolare, la porta della Vigor Carpaneto che ha vinto appunto il campionato di Eccellenza.
Corradi, originario di Parma, ha compiuto la trafila nel vivaio della società ducale, approdando poi nella Primavera del Carpi. Quindi il suo curriculum racconta del passaggio tra i «grandi» a 18 anni, col trasferimento al Fiorenzuola in D dove ha vestito la casacca numero 1 per l’intero torneo. L’anno scorso, dopo aver iniziato la stagione sempre nella quarta serie nazionale coi toscani del Jolly Montemurlo, impegnato nelle partite di Coppa Italia, l’estremo difensore classe 1997 si è trasferito come detto nella Vigor Carpaneto. E a partire da settembre è stato una delle colonne dell’undici piacentino che ha conseguito la promozione dall’Eccellenza. Ora il 20enne portiere difenderà la rete della Rosselli Mutina in un campionato che già conosce e nel quale è nuovamente chiamato a recitare un ruolo da protagonista.
15 luglio 2017

LA ROSSELLI MUTINA VERSO LA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA STAGIONE IN ECCELLENZA
COZZOLINO: «ARRIVO CON GRANDE ENTUSIAMO, SONO PRONTO A FARE BENE»




Sta per cominciare l’avventura della Rosselli Mutina in Eccellenza, prestigioso campionato raggiunto proprio nell’anno del cinquantenario della fondazione del club che risale al 1968. La squadra, lo staff e la dirigenza si riuniranno martedì sera nella cornice del ristorante “Loco” di Modena per una serata, alla presenza di sponsor e istituzioni, che formalmente inaugurerà la stagione sportiva 2017-2018, precedendo l’inizio del ritiro estivo in programma all’inizio di agosto. L’evento sarà l’occasione per presentare i volti nuovi della compagine gialloblù, arricchita nelle ultime settimane di diversi elementi di spessore a partire dall’allenatore Roberto Notari. Tra i volti nuovi compare l’attaccante Giuseppe Cozzolino, arrivato assieme al “gemello del gol” Giuseppe Greco dal Castelvetro, che per motivi familiari non potrà tuttavia prendere parte all’appuntamento: ne abbiamo così approfittato per fare una chiacchierata con lui prima dell’appuntamento. Il 32enne Cozzolino, punta centrale di grande qualità che indosserà il numero 9, nel curriculum vanta 124 gol in 322 presenze, delle quali 54 tra i professionisti (compresi due centri in serie A), e 7 presenze e 1 centro con la Nazionale Under20 (con la quale ha partecipato al Mondiale di categoria nel 2005). Un innesto offensivo dunque di elevato spessore per la società che vede Paolo Galassini e Gian Lauro Morselli come figure imprenditoriali di riferimento.
Beppe, benvenuto alla Rosselli Mutina.
«Sono felice di essere approdato in questo club, il progetto che mi è stato prospettato è davvero affascinante ed è bello poterne prendere parte. Il biennio a Castelvetro è andato benissimo, ma c’erano cambiamenti in atto e nel frattempo è arrivata questa proposta da Modena che ho voluto cogliere immediatamente. E poco importa che sia dovuto “scendere” di categoria, dalla serie D all’Eccellenza: è l’azione a lungo del termine del club quello che mi interessa, assieme alle condizioni che vengono create dalla società per poter dare il meglio sul campo e nella struttura. Su entrambi i fronti qui l’ambiente e le ambizioni sono di prim’ordine».
Quali sono le prime impressioni?
«Assolutamente positive. Ho trovato una società con un’ottima organizzazione, strutture adeguate, entusiasmo da parte dei due patron e soprattutto voglia di crescere. Insomma ci sono tutti gli ingredienti per fare bene, per dare concretezza al progetto del quale parlavo prima. E io francamente ho stimoli eccezionali».
Che impressione hai avuto del nuovo mister, Notari?
«Non lo conoscevo, non personalmente intendo, ma l’impressione è stata buona. Abbiamo fatto un paio di chiacchierate preliminari, è emerso subito che si tratta di una persona intelligente. Non a caso si tratta di una qualità indispensabile per arrivare a certi livelli e sono certo che il nostro rapporto sarà più che positivo».
Assieme a te è arrivato un altro bomber con un ottimo passato tra i professionisti, Giuseppe Greco.
«Con Beppe ho un rapporto fantastico dentro e fuori dal campo, è più di un amico. Non nascondo che, quando è arrivata la proposta della Rosselli Mutina, la possibilità di trasferirci insieme è stato uno dei motivi che hanno spinto ad accettare».
Le “facce nuove”, all’avvio della preparazione a inizio agosto, saranno diverse.
«Ho visto che la società sta facendo sforzi importanti per rafforzare l’organico con giocatori di qualità che conoscono la categoria e questa è una cosa assolutamente positiva. Non solamente io e Greco, ma anche atleti di caratura come Ruopolo, Ferrari, giusto per citare alcuni nuovi compagni… Scelte che testimoniano ancora una volta la volontà di crescere, di far bene, attestando la volontà della proprietà».
Ormai è il terzo anno per te nella provincia modenese.
«E ne sono contento, sì, possiamo affermare che sono stato “adottato” da Modena. Sono felice di essere rimasto in zona, mi trovo bene qui, infatti dopo l’esperienza biennale col Castelvetro avrei voluto restare nel territorio. Quindi l’opportunità con la Rosselli Mutina è stata doppiamente gradita».
Qual è l’obiettivo personale di Cozzolino?
«Non faccio cifre, non mi piace spendere numeri, d’altronde da buon napoletano... Dico soltanto che ci metterò il massimo per l’impegno, che gioco sempre per vincere e che non sono venuto alla Rosselli Mutina per guardar trionfare le altre squadre».

Nella foto: Cozzolino con le due figure imprenditoriali di riferimento della Rosselli Mutina Paolo Galassini e Gian Lauro Morselli