Archivio notizie (pagina 30)

9 aprile 2017

LA MUTINA SPORT SCONFIGGE IL BARACCA BEACH E CONQUISTA LA PROMOZIONE IN SECONDA CATEGORIA


MUTINA SPORT-BARACCA BEACH 3-1
Reti: 32’ Terranova, 67 Cuoghi, 76’ De Laurentiis, 91’ Tomasini

MUTINA SPORT: Palladini, De Benedictis, Morselli (70’ Gambarelli), Crisci (80’ Cioffo), Cacciari, Negro, Cuoghi (75’ Sacchi), Cinquegrana (63’ Severi), Cosmai, Terranova (68’ Annigoni), De Laurentiis. A disp. Messori, Gheorghe. All. M. Ferrari
BARACCA BEACH: Tondo, Lugli (80’ Maccaferri), Barbieri, Cassano, Scurato, Botteghi, F. Ferrari (62’ Tomasini), D. Ferrari, Brandoli, Pastore (82’ Girardi), Baraldi (90’ Dieci). A disp. Vasini, Malavasi, Grande. All. Tassinari
Arbitro: Roli di Modena
Note: espulso De Laurentiis all’85’, ammoniti Cacciari, D. Ferrari, Botteghi. Spettatori 300 circa

MODENA – La Mutina Sport schiaccia i rivali del Baracca Beach, nel big match di vertice tra prima e seconda alla 26esima e ultima giornata di campionato, e conquista una meritatissima promozione in Seconda categoria. Tre a uno il punteggio nello scontro diretto che fa volare i ragazzi di mister Ferrari, che hanno certificato la propria leadership toccando quota 59 punti in 26 partite frutto di 17 vittorie, 8 pareggi e appena una sconfitta che risale addirittura a ottobre dell’anno scorso. Uno strepitoso ruolino di marcia basato sulla miglior difesa del torneo (appena 23 reti subite) e il secondo miglior attacco (71 marcature). Una regolarità impressionante, insomma, che si è tramutata nella prima piazza davanti a tutti gli avversari, incapaci di sostenere questo ritmo.
Davanti a oltre duecento persone sono stati gli ospiti, indietro di una lunghezza in classifica e quindi sfavoriti, a partire con maggiore intensità senza tuttavia rendersi mai realmente pericolosi dalle parti di Palladini. Col trascorrere dei minuti i modenesi hanno riequilibrato l’andamento della sfida e intorno alla mezz’ora sono passati in vantaggio: il merito è soprattutto di Cosmai che, entrato in area sulla sinistra, ha prima dribblato un avversario e poi ha “ingannato” il secondo facendo scivolare la palla sotto la suola, fino a passare in mezzo per l’accorrente Terranova che da pochi passi ha infilato l’1-0. I bomportesi hanno reagito qualche minuto più tardi con un’incursione per le vie centrali che ha visto Botteghi ispirare Brandoli, il tiro del quale ha centrato la traversa. In chiusura di frazione la Mutina Sport tuttavia avrebbe potuto pareggiare, con Cosmai che ha clamorosamente fallito il tap-in a tre metri dalla porta su traversone di De Laurentiis.
All’inizio della ripresa il Baracca Beach ha colto un altro legno, ancora con Brandoli che ha toccato praticamente da terra mandando la sfera sul palo, ma dopo aver corso il pericolo i padroni di casa hanno messo ancora il proprio timbro sul match. Dalla sinistra infatti Terranova ha calciato un corner sul quale Cuoghi si è fatto trovare pronto all’altezza del dischetto del rigore, bucando di nuovo Tondo per il 2-0. La reazione dei bomportesi non è stata particolarmente incisiva e anzi è servita ad “aprire” gli spazi per la capolista, attiva con alcune ripartenze. Uno di questi blitz ha visto protagonista il subentrato Severi che, dopo aver percorso col pallone al piede quasi trenta metri, ha ispirato De Laurentiis: il numero 11 con freddezza ha saltato il marcatore in area e ha firmato il tris. Nei minuti finali il match si è innervosito e a farne le spese è stato proprio De Laurentiis, espulso; allo scoccare del 90’ il Baracca Beach ha accorciato le distanze con Tomasini, ma era troppo tardi per tentare il recupero. E così al triplice fischio del giovane arbitro Roli la Mutina Sport ha coronato una straordinaria annata imponendosi in solitaria nel girone A di Terza categoria, con tre lunghezze di vantaggio sul Gaggio secondo classificato, conquistando la promozione diretta in Seconda a nemmeno due anni dalla fondazione del club.
4 aprile 2017

IL SINDACO E L'ASSESSORE DEL COMUNE DI MODENA SI CONGRATULANO CON LA ROSSELLI MUTINA


E' con grande onore e altrettanto piacere che pubblichiamo la lettera che il sindaco Gian Carlo Muzzarelli e l'assessore allo Sport Giulio Guerzoni ci hanno scritto ieri sera per congratularsi con Gian Lauro Morselli e Paolo Galassini, figure imprenditoriali di riferimento della nostra società, e con l'intero movimento sportivo della Rosselli Mutina dopo la vittoria del torneo di Promozione e la conquista dell'Eccellenza. Una lettera che testimonia l'importante legame tra i nostri colori e il Comune di Modena così come non era stato casuale il fatto che i massimi esponenti avessero presenziato ai recenti momenti istituzionali del nostro club. Diciamo quindi grazie di cuore al sindaco, grazie all'assessore, per le bellissime parole spese per la Rosselli Mutina: questa lettera suggella ancora di più «la forte collaborazione - come si legge nel documento - nell'ambito di un corretto rapporto istituzionale e sportivo»
2 aprile 2017

LA ROSSELLI MUTINA SUPERA LA SOLIERESE E VINCE IL CAMPIONATO DI PROMOZIONE


ROSSELLI MUTINA-SOLIERESE 1-0
Reti: 77’ Guilouzi

ROSSELLI MUTINA: Benedetti, Ricaldone, Righi, Girotti, Tammaro (36’ Pecorari), Ligabue, Modica, Prandi, Gripshi (63’ Azzouzi),Paradisi, Guilouzi (80’ Guastalli). A disp. Brancolini, Vignocchi, Vaccari, Manno. All. Nannini
SOLIERESE: Neri, M. Montorsi I,Ascari, E. Montorsi, Caselli, Cavellini, Macchi, Owusu (78’ Jabeur), Belluzzi, M. Montorsi II, Teggi (78’ L. Montorsi). A disp. Corradini, Barasso, Vezzali, Gantier, Rebecchi. All. Maestroni
Arbitro: Merloni di Ravenna (assistenti Palmieri di Modena e Colavito di Piacenza)
Note: ammoniti Girotti, Guilouzi e M. Montorsi II. Allontanato l’allenatore della Solierese, Maestroni. Spettatori 200 circa

MODENA – Una straordinaria vittoria, l’ennesima di un campionato meraviglioso, ha permesso alla capolista Rosselli Mutina di aggiudicarsi con tre turni di anticipo il torneo di Promozione e di volare in Eccellenza: a uscire sconfitta è stata la Solierese, seconda in classifica nel girone B, e ora distanziata di 10 punti in classifica.
Allo stadio “Allegretti” di San Damaso, davanti a oltre 200 persone, è andata in scena una gara maschia, combattuta soprattutto a centrocampo, con diversi errori da una parte e dall’altra; naturale conseguenza anche della tensione per la posta in gioco. E così le occasioni costruite si sono contate sulla dita di una mano. Il primo a provarci è stato Girotti al 6’, con un fendente da lontano prima deviato e poi respinto a terra da Neri; quindi è toccato a Belluzzi che al 14’, al volo dal limite, ha incrociato una palla vagante colpendo forte ma centralmente. L’occasione principale è capitata allo stesso attaccante solierese al 28’ quando, sugli sviluppi di un calcio piazzato battuto da sinistra da Enrico Montorsi, con una zampata ha diretto il pallone verso la porta: sulla linea Girotti, provvidenzialmente appostato, ha sventato il pericolo. La Rosselli Mutina, che nel frattempo è stata ridisegnata tatticamente per via dell’infortunio di capitan Tammaro sostituito da Pecorari con lo spostamento di Modica al centro della difesa, si è fatta vedere ancora dalla distanza al 32’, con una punizione di Modica fuori di un metro abbondante; e al 42’ con un calcio piazzato a spiovere di Girotti uscito non di molto.
Nella ripresa l’undici di Nannini, che giusto quattro giorni prima aveva conquistato la finale di Coppa Italia Promozione battendo il Montecchio, è ripartito con l’obiettivo di chiudere il match. Alzato il baricentro in un match connotato sempre un certo nervosismo, che si è riflesso in molte “battaglie”, Guilouzi al 4’ ha incornato un calcio d’angolo di Girotti da destra fallendo di un metro; e sempre da destra, con Paradisi al 7’, è scaturito il tiro-cross rasoterra che ha attraversato orizzontalmente l’area piccola senza che nessuno sia riuscito a spingere la sfera in rete. Al 19’ è stato il turno di Pecorari che, sull’ennesimo corner di Girotti, ha recuperato una palla “sporca” sulla sinistra e con una girata velenosa ha chiamato Neri a un impegnativo intervento. La Solierese intanto si è spinta in avanti con un paio di incursioni sull’asse Belluzzi-Matteo Montorsi, ma è stata la Rosselli Mutina a fare proprio il match con un gol tanto bello quanto decisivo.
Al 33’ infatti Guilouzi e Pecorari hanno dato vita a un’ampia triangolazione nata sulla trequarti mancina e che ha condotto il numero 11 all’ingresso dell’area: a questo punto con un pregevole gesto tecnico ha dribblato in modo secco il marcatore e, presentatosi davanti a Neri, lo ha infilato imparabilmente. E’ stata la rete che ha aperto alla Rosselli Mutina le porte dell’Eccellenza e davanti alla quale gli ospiti non sono riusciti a reagire se non con un colpo di testa velleitario su corner al 34’. Il triplice fischio dell’arbitro ravennate Merloni ha certificato il trionfo dei gialloblù, capaci di collezionare finora 23 vittorie in 31 incontri e che sono imbattuti da un girone intero, con 14 successi nelle ultime 17 giornate. Il miglior attacco (64 marcature siglate) e la difesa più imbattuta (28 reti subite) certificano la supremazia della compagine modenese, che ora affronterà il San Pietro in Vincoli nella finalissima di Coppa Italia. Da sottolineare, nella gara odierna, la presenza sugli spalti di numerosi ragazzi delle giovanili, “convocati” per offrire il proprio sostegno alla prima squadra per un confronto talmente delicato: la loro presenza è stata importante e per questo motivo meritano il ringraziamento da parte della proprietà della Rosselli Mutina.