Archivio notizie (pagina 37)
19 febbraio 2017

LA ROSSELLI MUTINA ESPUGNA PERSICETO E RIMANE DA SOLA IN VETTA ALLA CLASSIFICA


PERSICETO-ROSSELLI MUTINA 1-2
Reti: 14' Dalrio, 69' Azzouzi, 83' Ricaldone

PERSICETO: Morisi, Filippini, Marchesi (66’ Neri), Compagnucci, Novelli, Dalrio, Limongelli (78’ Farinu), Cesari (75’ Veronesi), El Madi, Pattacini, Cattabriga. A disp. Baattout, Farisco, Serra, Iorizzo. All. Fancelli
ROSSELLI MUTINA: Brancolini, Ricaldone, Righi, Girotti, Tammaro, Vignocchi, Modica (65’ Azzouzi), Guilouzi, Gripshi, Pecorari (52’ Paradisi), Vaccari (52’ Ligabue). A disp. Benedetti, Bozzini, Guastalli, Manno. All. Nannini
Arbitro: Greco di Roma (assistenti Barbieri e Girgenti di Ferrara)
Note: spettatori 120 circa. Ammoniti Compagnucci, Pattaccini, El Madi, Tammaro e Girotti. Espulso al 47’ Righi per fallo da ultimo uomo

SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO) – Un’altra grande rimonta, arrivata per giunta in inferiorità numerica, regala alla Rosselli Mutina la vetta solitaria del girone B del campionato di Promozione: decisive, nella trasferta sul campo del Persiceto, sono le reti di Azzouzi e Ricaldone. Un uno-due siglato in nemmeno un quarto d’ora che allunga lo straordinario filotto di 11 gare: nove vittorie e due pareggi, senza contare il passaggio del turno in Coppa Italia di mercoledì che aveva portato la truppa gialloblù a sbancare il terreno de La Pieve Nonantola conquistando le semifinali del torneo.
Archiviate le fatiche infrasettimanali, la Rosselli Mutina inizia a San Giovanni in Persiceto con lo stesso undici delle ultime domeniche. I locali partono con intensità e mettono in difficoltà i modenesi, che vanno al tiro solo da lontano: prima Modica in girata che spedisce out (al 3’), poi Pecorari con respinta del portiere (al 22’) e infine con Righi in incursione solitaria che manda fuori (al 33’). In mezzo c’è da annotare la marcatura dei padroni di casa, al 14’, con Dalrio che spedisce di testa in gol il cross dalla destra smorzato da El Madi: la palla rimbalza in area e il difensore incorna da pochi passi superando Brancolini. L’unica vera occasione per il pareggio si registra al 42’, quando una manovra sull’asse Gripshi-Girotti-Guilouzi conduce il numero a calciare sottomisura; il tiro però è sporco e Morisi intercetta. La frazione iniziale si chiude dunque col vantaggio bolognese, mentre la Rosselli Mutina approfitta della pausa per regolare i meccanismi.
Quella che si presenta nella ripresa è infatti un’altra squadra, con un altro piglio. Dopo appena 1’ gli ospiti si ritrovano però in dieci uomini: Righi, ricevuto un retropassaggio, viene tradito da una zolla e il pallone viene intercettato da Cesari, che si invola verso la porta. Il centrale lo atterra fallosamente, un intervento che l’arbitro romano Greco giudica da ultimo uomo – una decisione dubbia, dal momento che nel frattempo stava accorrendo Tammaro a sostegno – e che scaturisce l’espulsione. Il “rosso” potrebbe stroncare le ambizioni della Rosselli Mutina, tuttavia nella situazione di difficoltà emerge lo spirito del gruppo che si riorganizza sotto la guida del tecnico Nannini e comincia a macinare gioco. Pecorari ci prova su suggerimento di Gripshi al 6’ (alto sulla traversa) e Modica al 10’ si vede allontanare sulla linea un colpo di testa a botta sicura dopo un’azione sviluppata dalla destra da Paradisi, subentrato assieme ad Azzouzi. Nel frattempo Brancolini è chiamato a una super risposta su Dalrio, pronto ad andare di nuovo a bersaglio su corner di Compagnucci al 10’.
La pressione ospite trova comunque sfogo sulla corsia di destra, dove Paradisi imperversa, e dai piedi di Vignocchi parte il traversone che Guilouzi tocca in area favorendo l’inserimento di Azzouzi: il colpo di testa del centravanti è imparabile per l’1-1. Il Persiceto replica dalla distanza, ma è la Rosselli Mutina a trovare la chiave della vittoria: ancora da destra, stavolta grazie a Paradisi ispirato da Guilouzi, nasce il traversone che trova in mezzo all’area Ricaldone. E il difensore salito in avanti, con una “spizzata” da bomber, manda nell’angolino di sinistra facendo esplodere la gioia in casa modenese. Guilouzi fallisce il colpo del tris al 39’, spedendo tra le braccia del portiere, e l’assalto finale dei padroni di casa è ribattuto con intelligenza da Girotti e compagni: quanto basta per sbancare Persiceto e proseguire la corsa in vetta al campionato dopo 25 turni a quota 57 punti. Domenica prossima, 26 febbraio, i gialloblù sono chiamati al match interno col Fabbrico, che all’andata inflisse la prima sconfitta stagionale.
19 febbraio 2017

LA MUTINA SPORT E’ UNA MACCHINA DA GOL: CINQUINA AL CAMPOGALLIANO E SECONDO POSTO IN CLASSIFICA

MUTINA SPORT-CAMPOGALLIANO 5-3
Reti: 6’, 31’ e 36’ Cosmai, 48’ e 56’ Pizzano, 53’ Cuoghi, 62’ rig. Montanini, 80’ Terranova
MUTINA SPORT: Palladini, De Benedictis, Morselli (72’ Gheorghe), Crisci (67’ Annigoni), Prampolini (49’ Gambarelli), Negro, Cuoghi, Cinquegrana (74’ Sacchi), Cosmai (84’ Severi), Terranova, De Laurentiis. A disp. Messori, Cioffo. All. Ferrari
CAMPOGALLIANO: Brunetti, Porrini, Michelini, Pizzano, Soffiatti, De Vito, Montanini, Stanco, D’Angelo, Zhiti, Righi. A disp. Guidetti, Malagoli, Baroni, Dotti, Vezzali, Vigarani, Apicella. All. Poli
Arbitro: Demoro di Finale Emilia

MODENA – Una macchina da gol capace di infliggere una cinquina nello scontro di vertice e di segnare 19 reti negli ultimi 4 incontri. Termina con un tennistico 5-3 il big match del 19esimo turno del girone A del campionato di Terza categoria: nella 19esima giornata la Mutina Sport cala un pokerissimo sul Campogalliano, raggiungendo il secondo posto in classifica proprio ai danni degli avversari ora scesi al terzo posto. Adesso la vetta, per la rosa di mister Ferrari, dista appena due lunghezze.
Nel confronto tra due squadre di rilevante spessore tecnico sono i gialloblù a portarsi avanti con un tris nella mezz’ora iniziale. Il primo centro è di Cosmai, bravo a farsi trovare al posto giusto in area dopo che Terranova aveva spinto sulla sinistra saltando un uomo e crossando dall’altra parte per l’accorrente De Laurentiis, pronto ad appoggiare in mezzo per il centravanti che appunto infila Brunetti. La seconda rete è ancora di Cosmai, letale nel raccogliere il pallone all’altezza del dischetto del rigore dopo che Cuoghi aveva trovato un corridoio in diagonale dribblando tre avversari con una splendida serpentina in velocità: il numero 9 incrocia alle spalle del portiere del Campogalliano senza pietà. E sempre Cosmai, al 36’, sigla il personale hat-trick finalizzando felicemente il suggerimento di De Laurentiis, probabilmente il migliore in campo per qualità della prestazione e intensità agonistica. Nonostante lo svantaggio, gli ospiti premono e si fanno vedere più volte dalle parti di Palladini, chiamato a tre parate importanti nel corso del primo tempo; senza contare il salvataggio di De Benedectis sulla linea, lesto a evitare l’1-3 allontanando il pallone calciato a botta sicura.
L’offensiva della truppa di Poli viene tuttavia premiata dopo appena 3’ della ripresa, quando sugli sviluppi di un calcio d’angolo Pizzano accorcia le distanze con una zampata sottomisura. La reazione della Mutina Sport è immediata: Terranova calcia un corner sul quale si avventa Cuoghi, saltando più in alto del portiere e incornando da pochi passi per il 4-1. Ma non è finita qui: perché il Campogalliano non ci sta e con Pizzano su punizione trova il 4-2 riducendo nuovamente il divario a due reti; un distacco che si assottiglia a un solo gol quando l’arbitro finalese Demoro – autore di una conduzione di gara all’“inglese” con pochi contrasti fischiati – giudica come falloso un intervento in area di Crisci e decreta un rigore che Montanini non sbaglia. Perso Cinquegrana per un infortunio, probabilmente una distorsione al ginocchio, la Mutina Sport si riorganizza con l’obiettivo di non sprecare quello che era un ampio vantaggio e si mette a caccia della marcatura della sicurezza. Marcatura che effettivamente viene raggiunta a 10’ dal termine, quando Annigoni e Terranova confezionano il punto del 5-3: il primo, controllata la sfera sulla tre-quarti, salta l’avversario con uno “scavetto”, lanciando in profondità Terranova che stoppa al volo e con un pallonetto scavalca Brunetti. Un tiro imparabile, bellissimo, che scatena gli applausi del pubblico (presenti oltre 100 persone, metà delle quali da Campogalliano) e mette in ghiaccio la meritata vittoria dei gialloblù.
Domenica prossima, 25 febbraio, Morselli e compagni sono chiamati a un’altra sfida impegnativa: ovvero il derby cittadino, in trasferta, sul terreno del San Paolo.
18 febbraio 2017

JUNIORES REGIONALI: LA ROSSELLI MUTINA CADE A FORMIGINE NONOSTANTE LA BUONA PROVA


FORMIGINE-ROSSELLI MUTINA 2-0
Reti: 17’ Mele, 46’ Lucchi

FORMIGINE: Carpentiero, Manfredini, Pedroni (85’ Sala), Seghizzi, Marverti (81’ Mosca), Tolve, Lucchi (76’ Bosi), Poli, Mele (89’ Celeghini), Annovi, Tarantini (61’ Sordi). A disp. Rizzo, Ruini. All. Serri
ROSSELLI MUTINA: Rinaldi, G. Benedetti (71’ Artioli), Pedrazzi (75’ Messori), Vecchi, Shanableh, Fazio, Priori, Barbieri (62’ Maugeri), Cosmai (78’ Kpanti), Razzoli, Nicioli (46’ D’Orso). A disp. Argilli, Emoro. All. S. Benedetti
Arbitro: Gandolfi di Modena
Note: spettatori 60 circa. Ammoniti Annovi, Priori e Cosmai

FORMIGINE – Finisce a Formigine l’imbattibilità degli Juniores regionali, sconfitti dalla seconda in classifica al termine di un match combattuto che ha visto la truppa di Benedetti cadere dopo la striscia positiva di otto giornate. Dopo 23 turni di campionato i gialloblù si trovano dunque a metà classifica, con 28 punti, nel girone B.
La partita. Il Formigine, alla ricerca dei tre punti per continuare la corsa verso le finali, inizia con sicurezza e cerca di imporre il proprio gioco; ma è la Rosselli ad avere l’opportunità di passare in vantaggio con Priori imbeccato da Vecchi in area verdeblù: palla sul destro e finta che lascia di sasso il difensore locale che lo stende al limite dell'area piccola… ma l’arbitro non fischia il rigore, nonostante sembrasse abbastanza netto. Immediatamente i locali si lanciano in avanti con una ripartenza e con un cross dalla destra la palla arriva a Mele, che di testa trova il gol con la deviazione di un difensore modenese. Siamo al 17’ e la partita prosegue sui binari dell’equilibrio, con gli schieramenti che si affrontano sul piano del gioco come in una partita a scacchi. Ancora una bella azione della Rosselli Mutina porta a un calcio piazzato di capitan Razzoli, la cui pennellata finisce sulla testa di Pedrazzi che però viene travolto e la conclusione di testa che ne consegue è imprecisa. Un’azione convulsa nei secondi di recupero del primo tempo conduce poi al raddoppio del Formigine, che va a segno con Lucchi che finalizza un lungo traversone di Annovi.
Il secondo tempo vede ancora le due squadre in equilibrio tattico con il Formigine in attesa di creare ripartenza e la Rosselli procurarsi occasioni con Cosmai , D'Orso e Artioli; nessuna però va a buon segno così come il Formigine spreca il tris in contropiede al 91’ sull’asse Celeghini e Sala con quest’ultimo che non centra la porta da pochi passi. La partita si chiude dunque con il 2 a 0 maturato nel primo tempo; da sottolineare, nella Rosselli Mutina, l’ottima prestazione di Vecchi. Sabato prossimo, 25 febbraio, nell’undicesima giornata di ritorno i gialloblù sono chiamati a un’altra trasferta, quella di Vignola che all’andata si impose per 4-2.