Archivio notizie (pagina 38)
15 febbraio 2017

REMUNTADA DELLA ROSSELLI MUTINA A NONANTOLA: CONQUISTATA LA SEMIFINALE DI COPPA ITALIA PROMOZIONE

LA PIEVE NONANTOLA-ROSSELLI MUTINA 2-3

Reti: 15’ V. Mazzini, 28’ rig. Rossi, 34’ e 52’ Gripshi, 41’ Azzouzi
LA PIEVE NONANTOLA: Battara, V. Mazzini, Scaglioni (64' Pavarotti), Vernia (64' Ricci), Cere' (86' Melis), Pecorari, Salvi, Rossi, Ganzerla, Boschetto (64' Amadori), Pecora. A disp. A. Mazzini, Boni, Mutillo. All. Lodi
ROSSELLI MUTINA: Benedetti, Ricaldone, Righi, Girotti, Bozzini (73' Vaccari), Vignocchi, Modica, Guastalli (46' F. Pecorari), Azzouzi (46' Manno), Gripshi (82' Tammaro), Paradisi. A disp. Brancolini, Ligabue, Shanableh. All. Nannini
Arbitro: Lauri di Modena (assistenti Marcoppido e Lo Re)
Note: ammoniti Benedetti, Pecora e Pavarotti

NONANTOLA – E’ una straordinaria “remuntada” quella compiuta dalla Rosselli Mutina che ha sbancato con tre reti, dopo essere stata sotto per 2-0, il campo de La Pieve Nonantola conquistando la semifinale di Coppa Italia Promozione. Un risultato certificato nel giro di una ventina di minuti e che assume ancora più valore se si valuta che all’andata i nonantolani si erano imposti per 2-1 a Modena: vale quindi la regola dei gol in trasferta. Occorreva l’impresa, insomma, e di autentica impresa si è trattato.
Le reti. Al 15’ Valerio Mazzini recupera palla sulla trequarti e trova un corridoio centrale nel quale si incunea, riuscendo a presentarsi in solitaria davanti a Benedetti e a bucarlo. Poco prima della mezz’ora i padroni di casa raddoppiano con un dubbio rigore, fischiato dall’arbitro Lauri, su Ganzerla venuto a contatto con Ricaldone: Rossi dal dischetto con sbaglia. A questo punto la Rosselli Mutina si riorganizza e oltre alla tecnica mette sul terreno di gioco il cuore. Le distanze vengono accorciate dalla Rosselli Mutina con Gripshi, al 34’, che infila di testa sottomisura un bel traversone dalla sinistra di Ricaldone. Trascorrono appena 7’ e la truppa di Nannini trova il pareggio: Girotti, sempre un pericolo dalla bandierina, calcia da destra l’angolo che Azzouzi (ex di turno) incorna felicemente superando Battara.
Raggiunto il pareggio, nella ripresa la Rosselli Mutina torna sul rettangolo verde con l’obiettivo di completare la rimonta e infatti dopo 7’ l’opera va a buon fine: lancio di Ricaldone in area, Pecorari difende bene il pallone e, spalle alla porta, si gira e pennella un cross morbido per Gripshi che a pochi metri dalla linea devia siglando la doppietta personale ma soprattutto il 3-2. Una marcatura che fa esplodere la gioia modenese in tribuna. Col passare dei minuti i gialloblù “tengono” il risultato, stoppando le incursioni de La Pieve che nella fase finale si getta all’assalto: da segnalare un importantissimo recupero di Ricaldone sulla linea che sventa il possibile 3-3 allontanando la sfera. Il confronto si chiude dunque a favore di Tammaro e compagni, lanciatissimi verso le semifinali di Coppa Italia Promozione oltre che in campionato.
12 febbraio 2017

LA ROSSELLI MUTINA SUPERA IL MONTEOMBRARO COL MINIMO SCARTO E RESTA IN VETTA ALLA CLASSIFICA


ROSSELLI MUTINA-MONTEOMBRARO 1-0
Reti: 30' Pecorari

ROSSELLI MUTINA: Brancolini, Ricaldone, Righi, Girotti, Tammaro, Vignocchi, Modica, Guilouzi (81' Guastalli), Gripshi (68' Azzouzi), Pecorari (53' Paradisi), Vaccari. A disp. Benedetti, Ligabue, Bozzini, Manno. All. Nannini
MONTEOMBRARO: Malavasi, Masi, Barani (84' Carelli), Gozzi, Lusvarghi, Canalini, Ruggiano, Nobile, Perziano (61' Doffour), Toni, Di Costanzo (56' Barnie). A disp. Pergreffi, Ruzzo, Franceschini, Anakor. All. Cavuoto
Arbitro: Maizzi di Parma (assistenti Milana e Grazio di Bologna)
Note: spettatori 80 circa. Ammonito Gozzi

MODENA – Basta una rete alla Rosselli Mutina per superare il Monteombraro e rimanere in vetta alla classifica del campionato di Promozione, allungando con un’altra vittoria lo straordinario filotto fatto di 8 successi e 2 pareggi negli ultimi 10 incontri. Decisivo, nel derby modenese del 24esimo turno del girone B, è Pecorari.
Al via l’undici di mister Nannini si presenta con lo stesso schieramento che ha regolato Formigine e La Pieve Nonantola e l’impatto sulla gara è aggressivo: già al 3’ Pecorari da sinistra calcia verso la porta (alto) e all’11’ Modica impegna Malavasi con un fendente dalla destra. Un minuto più tardi la Rosselli Mutina potrebbe passare in vantaggio, quando sugli sviluppi di un corner calciato da destra la palla carambola in area fino al tocco di Righi, in mischia, che lambisce il palo. Il Monteombraro replica al 16’ da lontano con Gozzi – Brancolini è vigile – e a 26’ la squadra di casa centra un altro legno: protagonista è Modica, che dal vertice destro dell’area fa partire una botta a giro che fa vibrare la traversa e che avrebbe meritato maggior fortuna. Il gol comunque è nell’aria e si concretizza al 30’: Girotti, una presenza importante in cabina di regìa, da centrocampo lancia Modica sulla destra; l’esterno, in vantaggio su Barani, confeziona un traversone sul secondo palo che l’accorrente Pecorari insacca di testa praticamente in solitaria. Raggiunto il meritato vantaggio, al 38’ per la Rosselli Mutina potrebbe siglare il raddoppio: calcio di punizione da destra, la palla attraversa l’area e arriva a Pecorari che di sinistro appoggia in mezzo per Guilouzi che colpisce a botta sicura a pochi metri dalla porta. Canalini però devia.
Chiuso il primo tempo avanti, nella ripresa la formazione di casa si va vedere dalle parti di Malavasi al 4’, con una spizzata di testa di Righi su suggerimento di Girotti, e rischia di incassare il pareggio degli ospiti al 6’. Ruggiano infatti è l’autore di un tiro-cross dalla destra destinato a superare Brancolini: provvidenziale è l’intervento sulla linea di Ricaldone, autore di un’ottima prestazione difensiva, che evita che la sfera si infili beffardamente sotto la traversa. Col trascorrere dei minuti il confronto diventa più maschio, aumentano i contrasti e diminuiscono le occasioni: da sottolineare forse soltanto la botta da fuori di Modica al 24’, respinta dall’estremo difensore del Monteombraro. Per il resto le incursioni offensiva da una parte e dall’altra non creano particolari affanni per le difese, consentendo così alla Rosselli Mutina di conquistare tre punti importanti per rimanere ai piani altissimi della graduatoria. Domenica prossima, 19 febbraio, l’undici di Nannini è atteso all’insidiosa trasferta di Persiceto; prima però è in programma il ritorno dei quarti di finale di Coppa Italia. Mercoledì sera, 15 febbraio, Tammaro e compagni sono chiamati a ribaltare l’1-2 interno subìto da La Pieve nel match d’andata e a Nonantola servirà una vittoria con almeno due reti.

12 febbraio 2017

LA MUTINA SPORT DILAGA ANCHE SUL CAMPO DELLA CARPINE: SECONDO POKER CONSECUTIVO

CARPINE-MUTINA SPORT 0-4
Reti: 41’ e 61’ Cosmai, 58’ De Laurentiis, 63’ Cinquegrana

CARPINE: Losi, Carbone, Zanni, Paolini, Diallo, Gosa, Zanardi, Bianchi, Culzoni, D’Angelo, Breveglieri, Galiotto, Rossi. A disp. T. Storchi, M. Storchi, Turchi, Rabeh, Maini. All. Sementa
MUTINA SPORT: Palladini, De Benedictis, Morselli (57’ Negro), Crisci, Prampolini, Gambarelli, Gheorghe (75’ Severi), Cinquegrana (76’ Annigoni), Cosmai (65’ Cuoghi), Terranova, De Laurentiis (80’ Andreacchio). A disp. Andriulli, Cioffo. All. Ferrari
Arbitro: Boukbir di Finale Emilia
Note: rigore sbagliato da Terranova sullo 0-4

CARPI – Non c’è due senza tre: archiviate le goleade con Gino Nasi e Limidi, la Mutina Sport dilaga anche sul campo del Limidi superando la seconda avversaria carpigiana di fila con un poker. Dopo 18 turni i ragazzi di mister Ferrari rimangono dunque ai piani altissimi del girone A del campionato di Terza categoria, consolidando la terza posizione.
La prima fase dell’incontro è di marca locale, con una serie di manovre offensive che comunque non creano grossi rischi per la difesa guidata da Palladini; la formazione gialloblù controlla le incursioni della Carpine e col trascorrere dei minuti si affaccia nella trequarti di casa non risultando però particolarmente incisiva se non per i diversi cross e calci d’angolo fatti piovere nell’area rivale. Unica grande chance è quella sviluppata sulla corsia di sinistra da Cosmai, bravo a innescare De Laurentiis: la talentuosa punta, al tiro a botta sicura a un paio di metri dalla linea di porta, si vede tuttavia respingere il tentativo. E’ insomma un primo tempo equilibrato quello che va in scena all’impianto “Frignani” di Fossoli, destinato a chiudersi sul nulla di fatto nonostante la distanza in classifica delle compagini, e per sbloccare l’inerzia serve un’invenzione. Sale così in cattedra Terranova che, a 4’ dal termine, pennella uno straordinario passaggio di esterno che mette in condizione Cosmai di trovarsi a tu per tu con Losi: il centravanti, lanciato in profondità, non sbaglia e sigla lo 0-1.
La ripresa si apre con una marcatura annullata ai padroni di casa per un dubbio fuorigioco; poi, scampato il pericolo del pareggio, la Mutina Sport fa valere il maggior tasso tecnico e nell’arco di appena 5’ va a segno tre volte. Prima è De Laurentiis (al 13’) a bucare nuovamente Losi su bell'assist di Gheorghe; quindi tocca a Cosmai firmare la seconda doppietta di fila (al 18’) e infine è Cinquegrana a tramutare in gol il pregevole traversone di Terranova. Sul punteggio di 0-4 il match non ha più niente da dire e, anzi, i gialloblù potrebbero calare la cinquina: a metà della frazione Terranova viene atterrato in area di rigore e va al tiro dagli undici metri, facendosì però respingere la conclusione; sulla respinta dell’estremo difensore carpigiano si avventa Cuoghi, in tap-in, spedendo sul palo. Il confronto si conclude perciò col poker, un risultato netto a certificazione dell’ottima prova della squadra guidata da Crisci e Cinquegrana – forse i migliori sul terreno di gioco – e connotata dalle giocate determinanti del reparto offensivo.
Domenica prossima, 19 febbraio, per la Mutina Sport ora a quota 39 punti è in programma la sfida di vertice col Campogalliano, secondo in graduatoria con appena una lunghezza in più dello schieramento di mister Ferrari: la partita, è evidente, rappresenterà un autentico banco di prova per i giovani e ambiziosi modenesi che nelle ultime 3 gare hanno segnato 14 reti senza incassarne nemmeno una.