Archivio notizie (pagina 40)
4 febbraio 2017

JUNIORES REGIONALI: PAREGGIO ESTERNO PER LA ROSSELLI MUTINA, SETTIMO RISULTATO UTILE DI FILA

FIORANO-ROSSELLI MUTINA 0-0

FIORANO: Zolli, Ferri, Testa, Falcone, Flenghi, Debbia, Cattabriga, Sorbelli, Brusciano, Celano, Bodini. A disp. Briglia, Mamei, Toni, Jarmouni, Billitteri, Faraldo, Pirpignani. All. Fava
ROSSELLI MUTINA: Argilli, Messori, Pedrazzi, D. Benedetti, Fazio, Shanableh, Nicioli, Maugeri, Cosmai, Razzoli, Bozzini. A disp. Rinaldi, Righi, Barbieri, D'Orso, Emoro, Kpanti, Artioli. All. S. Benedetti
Arbitro: Farchak di Modena

FIORANO – E’ un pareggio che va stretto agli Juniores regionali della Rosselli Mutina quello ottenuto sabato 4 febbraio a Fiorano. Nel 21esimo turno del girone C, infatti, i giovani gialloblù hanno impattato contro i locali biancorossi conquistando il settimo risultato utile consecutivo.
Dopo una fase iniziale di studio, nella quale non si sono registrati episodi degni di nota, alla mezz’ora si è verificato un episodio dubbio in area del Fiorano: Cosmai, ben lanciato da Bozzini, si è presentato davanti a Zolli finendo a terra dopo il contatto col portiere. Dalla tribuna sembravano sussistere gli estremi per la concessione del calcio di rigore, considerando falloso l’atterramento della punta, ma l’arbitro Farchak ha deciso per la rimessa dal fondo. Nonostante le recriminazioni, la Rosselli Mutina ha iniziato a macinare gioco e a costruire occasioni che hanno portato al tiro Maugeri, Pedrazzi e Nicioli che ripetutamente hanno scaldato i guantoni del portiere fioranese, costringendo di fatto i padroni di casa a lungo nella propria metà campo e chiudendo ogni varco.
Nella ripresa il copione non è variato, con i modenesi ancora all’attacco, e buone chances non sono state concretizzate da Cosmai, Razzoli e Nicioli mentre il subentrato D’Orso ha fatto soffrire il Fiorano “pungendo” a destra. A un quarto d’ora dalla fine nuovo episodio sfavorevole per gli uomini di Benedetti: su calcio di punizione calciato dalla tre-quarti da Razzoli, Fazio ha incornato in rete ma il direttore di gara ha annullato la marcatura per fuorigioco millimetrico. La grande spinta degli ospitinon si è insomma trasformata in gol e, anzi, la Rosselli Mutina ha rischiato di capitolare al 93’, quando un attaccante di casa si è involato verso Argilli dopo aver recuperato un pallone mancato da Fazio per via di uno scivolone: la conclusione dell’avanti fioranese è terminata incredibilmente fuori, evitando ai gialloblù una sconfitta che avrebbe avuto il sapore di beffa in un match nel quale hanno spiccato Cosmai, Shanableh e il mai domo capitan Razzoli. Con questo punto esterno la Rosselli Mutina resta comunque come detto imbattuta allungando il “filotto” a 7 giornate; nel prossimo turno, sabato 11, è in programma il derby casalingo col Maranello.
29 gennaio 2017

LA ROSSELLI MUTINA REGOLA LA PIEVE NONANTOLA E RITORNA AL SECONDO POSTO


ROSSELLI MUTINA-LA PIEVE NONANTOLA 2-1
Reti: 35’ Vaccari, 50’ Gripshi, 92’ rig. Rossi

ROSSELLI MUTINA: Brancolini, Ricaldone, Righi, Girotti, Tammaro, Vignocchi, Modica, Guilouzi (69’ Guastalli), Gripshi, F. Pecorari (67’ Manno), Vaccari (77’ Bozzini). A disp. Benedetti, Shanableh, Asante, Azzouzi. All. Nannini
LA PIEVE NONANTOLA: Battara, Amadori, Salvi, Manzini, Bellentani, D. Pecorari, Cere’ (63’ Moussa), Rossi, Ganzerla, Boschetto (57’ Pavarotti), Pecora. A disp. Mazzini, Boni, Vernia, Rompagnoli, Melis. All. Lodi
Arbitro: Antonellini di Ravenna (assistenti Bonafede di Bologna e Fornelli di Imola)
Note: spettatori 80 circa. Ammoniti F. Pecorari, Modica, D. Pecorari, Pecora e Salvi

MODENA – Otto risultati utili consecutivi e 20 punti conquistati su 24 disponibili. La Rosselli Mutina continua la marcia ai vertici del campionato di Promozione e a essere superata, nel 22esimo turno allo stadio “Allegretti” di San Damaso, è La Pieve Nonantola nel derby di giornata del girone B. Di Vaccari e Gripshi le firme sul tabellino.
Reduce dal pareggio a reti inviolate di Castelnuovo Rangone, la squadra di casa si presenta con la coppia d’attacco Gripshi-Pecorari (quest’ultimo al rientro dagli acciacchi), Tammaro al comando della difesa (assente una settimana prima per influenza) e il 18enne Vaccari sulla mediana. Proprio il giovane, al debutto da titolare in questo torneo, dopo essere stato lanciato sulla fascia destra scalda le mani al 6’ a Battara, mirando al secondo palo con un tiro a giro dal vertice dell’area di rigore: il volo del portiere nonantolano è plastico e sventa il possibile 1-0. Un’azione simile si ripete al 14’, a parti invertite, con un blitz di Cere’ che manda tuttavia altissimo. Ancora Cere’ punta alla porta di Brancolini al 26’, raccogliendo un filtrante e calciando forte a mezz’altezza, ma l’estremo difensore ribatte. L’equilibrio della partita, intensa agonisticamente oltre che tecnicamente tra due compagini di livello, si interrompe al 35’ quando Vaccari diventa protagonista. Il numero 11 infatti, appostato un paio di metri prima del limite dell’area, addomestica con la punta del piede il pallone proveniente da una respinta difensiva e con tre avversari davanti a sé calcia col sinistro: il fendente è forte e angolato, trasformandosi in autentico eurogol che strappa l’applauso del pubblico e dei compagni per la prima gioia personale in Promozione.
Ottenuto il vantaggio la Rosselli Mutina cerca il bis prima della pausa, sfruttando varie opzioni offensive dal centro alle corsie esterne: proprio dalla fascia sinistra, dove Pecorari si invola di continuo arrivando sul fondo, la punta al 39’ si infila in area con un passaggio morbido che attraversa in orizzontale lo specchio della porta senza che nessuno riesca ad avventarsi sulla sfera vagante. Un’occasione chiara, mentre alcuni secondi più tardi il nonantolano Ganzerla approfitta di una indecisione difensiva per incrociare col destro davanti a Brancolini, che neutralizza di nuovo.
La ripresa si apre con la volontà dei modenesi di mettere in ghiaccio il match e bastano appena 4’ per centrare l’obiettivo. Sull’asse Modica-Grisphi nasce così il secondo gol: l’esterno si invola sulla sinistra, sbilancia un difensore con una finta e dopo aver raggiunto il fondo passa rasoterra in mezzo per il centravanti, accorrente a rimorchio, che con un guizzo anticipa il marcatore e con l’esterno destro buca ancora Battara sul palo opposto. Due a zero a certificazione della supremazia sul rettangolo di gioco. Il gol conduce a un lieve rallentamento dei ritmi e le successive occasioni, per la formazione di mister Nannini, sono da lontano con Vaccari (al 13’) e Grisphi (al 17’), entrambe alte. E’ centrale invece il tiro da fuori al volo di Girotti al 23’. Con la sfida entrata nella fase conclusiva La Pieve Nonantola si spinge in avanti e Salvi, al 32’, con un tiro-cross costringe Brancolini a togliere la palla da sotto la traversa; termina alto di poco, invece, il calcio piazzato al 41’ del capitano Rossi.
Il punto della bandiera per gli ospiti lo mettono a segno al 92’, in pieno recupero, quando l’arbitro ravennate Antonellini decreta il calcio di rigore per un presunto atterramento in area di Pecora: il penalty, apparso generoso dalla tribunale, lo sigla Rossi e un minuto più tardi viene fischiata la fine della gara per una vittoria più che meritata della Rosselli Mutina per la prestazione offerta. Con questo successo i gialloblù restano in scia della vetta della classifica, distante appena 3 punti, e domenica prossima (5 febbraio) è in programma è un altro derby: Tammaro e compagni sono attesi a Formigine.
29 gennaio 2017

LA MUTINA SPORT SBANCA IL CAMPO DELLA GINO NASI CON UN 6-0 TENNISTICO: TRIS DI DE LAURENTIIS

GINO NASI-MUTINA SPORT 0-6
Reti: 5’, 74’ e 77’ De Laurentiis, 18’ Cinquegrana, 40’ e 43’ Terranova

GINO NASI: Bonucchi, Corradi, Bigiani, Burani, De Stefano, Pesce, Pomykala, Roversi, Fini, Montanini, Sieno. A disp. Montorsi, Patano, Gentilini, Palmieri. All. Piumi
MUTINA SPORT: Palladini, De Benedictis (76’ Gambarelli), Morselli, Crisci, Prampolini, Negro, Gheorghe, Cinquegrana (73’ Cioffo), De Laurentiis (89’ Sacchi), Terranova (60’ Andreacchio), Cuoghi. A disp. Andrulli, Cosmai. All. Ferrari
Arbitro: Gandolfi di Modena

MODENA – Sei reti per cancellare le difficoltà in zona gol. La Mutina Sport sbanca il campo della Gino Nasi con un 6-0 tennistico nel derby cittadino valido per il terzo turno del girone di ritorno del campionato di Terza categoria.
Pronti via e i padroni di casa sfiorano il vantaggio con una clamorosa occasione capitata sui piedi di Montanini che tira alla destra del portiere dopo aver sfruttato una indecisione difensiva sulla corsia destra; Palladini è però bravo a metterci una pezza. Scampato il pericolo, la compagine di mister Ferrari interrompe l’equilibrio con uno scambio rapido sull’asse Terranova-De Laurentiis: il primo costruisce l’azione in velocità, il secondo la finalizza anticipando Bonucchi. Siamo solo al 5’. Sullo 0-1 la Gino Nasi ha la chance per pareggiare con Fini, terminale di una ripartenza, ma il numero 9 spreca a porta praticamente vuota. Di nuovo reattiva, la formazione ospite va in gol con uno schema su calcio d’angolo, raggiungendo Cinquegrana che insacca al 18’ sul primo palo.
Impostata tatticamente per organizzare manovre veloci e letali per l’avversario, nel finale della frazione l’undici gialloblù va a segno due volte in pochi minuti con Terranova al 40’ e al 43’; la seconda rete, in particolare, si concretizza dopo un bel fendente da fuori di De Laurentiis che l’estremo difensore di casa non riesce a trattenere e sul quale il numero 10 si avventa.
Chiuso il primo tempo con un punteggio di 4-0, col match virtualmente in ghiaccio, nella ripresa la Mutina Sport rallenta il ritmo anche se questo non impedisce di arrotondare il risultato. Merito di De Laurentiis, autore di altri due centri che portano a 3 lo score personale. La marcatura del 5-0 è quello più apprezzato per la costruzione dell’azione al 74’, sviluppata sulla fascia destra, proseguita con l’inserimento di Cuoghi che controlla e crossa per De Laurentiis che in mezza rovesciata batte ancora Bonucchi; mentre la sesta rete al 77’ è frutto di una bordata da fuori area del numero 11. Sarà l’ultima firma sul tabellino prima del fischio conclusivo dell’arbitro Gandolfi, quella di un match dominato e caratterizzato dalla freddezza sotto porta sopra un terreno di gioco che ha agevolato lo stile di gioco di Sacchi e compagni che dopo 16 giornate restano nei posti di vertice della graduatoria, a 4 punti di distacco dalla capolista. Domenica prossima, 5 febbraio, è in calendario il confronto interno col Limidi.